Cosa fare in Val Pusteria: Il Regno del Gigante Baranci

Cosa fare in Val Pusteria: Il Regno del Gigante Baranci

Dopo essere ripartiti da Pozza di Fassa, ci spingiamo ancora più a nord, fino alla famosa Val Pusteria, in Alto Adige, che non avevamo mai toccato nei nostri viaggi. Il nostro obbiettivo è quello di portare i bambini a San Candido per esplorare il Regno del Gigante Baranci, una delle attrazioni più famose della Val Pusteria e Alto Adige.

Salita verso il Regno del Gigante Baranci da San Candido, Val Pusteria

Per giungere al Regno del Gigante Baranci basta prendere la seggiovia che da San Candido porta sul Monte Baranci. Attenzione se avete animali: in seggiovia anche loro pagano 6 euro, noi abbiamo dovuto pagare 12 euro per portare in quota i nostri due gattini. Per scendere a valle, si possono sia scendere con la seggiovia, sia usando il funbob oppure fare una piacevole passeggiata in mezzo ai boschi. L’importante è di conservare il biglietto della seggiovia cosi da avere il parcheggio gratis.

Il Regno del Gigante Baranci

La primo trekking che abbiamo fatto appena scesi dalla seggiovia è stato quello del Regno del Gigante Baranci, un percorso ad anello, adatto anche alle famiglie con passeggini e bambini piccoli, della durata ,all’incirca, di un ora. Lungo il percorso si trovano delle stazioni che raccontano il Gigante Baranci, da un grosso martello, al una serie di posate giganti, degli enormi occhiali, una grande vasca da bagno e tante altre. La risalita per uscire è abbastanza impegnativa ma fattibile grazie anche alle tante panchine disseminate lungo il percorso.

Percorso delle palline

Anche qui, come nel Giro d’Ali, si trovano due percorsi da fare con le palline di legno. Per fortuna noi avevamo dietro quella del Giro d’Ali e abbiamo scoperto che sono perfettamente uguali, differenziano solo per il simbolo sopra e il costo: qui costano 2 euro anziché 4 (portate una moneta da 2€). Unico inconveniente, non siamo riusciti a fare uno dei due percorsi perché, a causa di un sovraffollamento nel tracciato, si sono incastrate le palline e non è stato possibile liberarle. Peccato!

blank

Pista Tubing

Vicino al percorso delle palline, proprio di fronte al Percorso di Arrampicata degli Gnomi, c’è la discesa con i gommoni. A differenza di quelli del Monte Cimone, questi gommoni hanno le ruote e scendono per una pista decisamente più tortuosa. La velocità, però, non è superiore rispetto all’altro, anzi, risultano molto più lenti, tanto che anche bambini abbastanza piccoli possono scendere da soli.

Percorso dell’arrampicata degli Gnomi

Subito a ridosso della pista dei gommoni si trova l’ingresso del parco avventura del Monte Baranci. Per fortuna i bambini non sono stati attratti da questa parte del parco però, visto dall’esterno, sembra davvero molto bello. Purtroppo non ho preso nota dei prezzi, mi rifarò la prossima volta!

blank

Villaggio degli Gnomi

Una zona che decisamente hanno apprezzato i bimbi è quella del Villaggio degli gnomi. Qui, una serie di piccole casette, permettono ai bambini di giocare tutti insieme. C’è la posta, il castello e perfino una chiesa. Tutto, ovviamente, ad altezza di gnomo, quindi adatto solo ai bambini.

Il villaggio degli gnomi è uno dei motivi principali per cui ho insistito a portare i bambini in Val Pusteria, nel Regno del Gigante Baranci, e non ci ha assolutamente deluso.

Le grandi impronte

Nella parte più bassa della piana, ecco che spuntano due grandi impronte di giganti piene d’acqua. Qui è possibile immergervi i piedi così da rinfrescarli e dare sollievo dopo, magari, una bella passeggiata. Oppure, possiamo prendere coraggio, entrare in acqua e schizzare tutti coloro che sono vicino a noi in quel momento.

Intorno alle grandi impronte sono presenti anche qualche sdraio di legno dove rilassarsi e un bel prato dove stendere la coperta e fare un bel pic nic o, semplicemente, godersi il sole.

Consiglio sempre, quando c’è la presenza di laghetti con acqua, di portarsi un cambio per i bambini e un asciugamano e/o telo mare.

blank

Dove dormire

A San Candido c’è l’area sosta camper in via Prato alla Drava, molto comoda per la ciclabile per Lienz. Noi, però, abbiamo preferito dormire in un parcheggio lungo la strada per Sesto, chiamato Parcheggio valle Campo di Dentro. Senza servizi a 10€, sulla strada che porta a Sesto.

Per maggiori informazioni–> https://www.trecime.com/it/regno-del-gigante-baranci.html

Per il tour completo –> https://famigliabordo.it/dolomiti-per-bambini/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.