Famiglia a Bordo

Viaggi con bimbi al seguito

Nonostante il nome possa far pensare che questa foresta si trovi in Umbria, in realtà siamo in Puglia, più precisamente nel parco nazionale del Gargano. Si chiama “umbra” dal latino “cupa” “ombrosa” come, anche oggi, appare.

Noi siamo stati in questa foresta nell’estate del 2019, quando, per sfuggire un pò dal caldo settembrino, abbiamo puntato la macchina verso quota.

Devo dire che è stato molto piacevole fare questa passeggiata nel bosco. Ci sono diversi percorsi, noi ovviamente abbiamo optato per quello più breve e più facile, anche perchè avevamo i bambini nei passeggini. Facendo con molta calma, abbiamo fatto il percorso in un’ ora circa, divertendoci anche a lasciare pseudo messaggi video ai nostri cari perché ci davamo già per dispersi. Cosa che, ovviamente, non è avvenuta, anzi abbiamo trovato poco più avanti la strada asfaltata che ci ha riportato dritti verso la macchina.

Ma parliamo un pò di questo bellissima foresta. Si estende per diversi comuni, Monte Sant’Angelo, Vieste, Vico del Gargano, Carpino e Peschici e occupa un area di circa 15.000 ettari (fonte Wikipedia). Il momento migliore per visitarla, specie per gli amanti del foliage, è l’autunno, quando le foglie si tingono dei colori del sole e cadono regalando un bellissimo tappeto di foglie. Noi ci siamo andati a fine estate e siamo stati benissimo ugualmente, il fresco e i colori non avevano nulla da invidiare a quelli di altre stagioni. Sembrava essere in una foresta incantata. Inoltre, è molto adatta alle famiglie con bambini grazie ai suoi percorsi facili e utilizzabili anche con i normali passeggini.

Al centro visitatori si trova un piccolo museo naturalistico, suddiviso in due parti. La parte interna, con reperti di vario tipo, e quella esterna, con la riproduzione di una carbonaia e il relativo percorso didattico.

Molto bello è il laghetto e tutta la zona che lo circonda. Come si può vedere dalla foto, il laghetto è molto popolato dalle tartarughe e dalle anatre. In più, lungo la strada per arrivarci, viene allestito un mercatino con prodotti tipici locali. Da questa parte iniziano diversi percorsi, che possono essere fatti sia a piedi che in bici.

Oltre alla passeggiata nel bosco, molto divertente per i bimbi è il recinto dei Daini, dove è possibile vedere questi animali da vicino e interagire con loro. Al centro visitatori è possibile acquistare il cibo da dargli per farli avvicinare, anche se, oramai, sono talmente abituati che si avvicinano comunque. Poco distante c’è anche il “Gioca Bosco” un parco giochi tutto fatto in legno e totalmente integrato con l’ambiente (che noi, purtroppo, abbiamo trovato chiuso). Oltre a questo, ci sono molte aree pic nic gratuite dotate di tavoli e un ristorante.

Dal 2017 la foresta è stata dichiarata patromonio dell’ UNESCO per le sue faggete vetuste.

Se capitate in Puglia, vi consiglio di inserire la Foresta in una delle vostre tappe, non ve ne pentirete, garantito!

In Camper

Lungo la strada provinciale 52 bis, nel comune di Sant’Angelo, c’è un posteggio sterrato a poccia distanza dal centro Visitatori del parco. La sera, con i turisti che se ne vanno, la tranquillità è assicurata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto